PACCHETTI DEB SCARICARE

Purtroppo, essendo una directory non molto ben vista dal sistema di gestione dei pacchetti che la considera come “non privilegiata”, verrà cancellata se vuota al momento della disinstallazione del pacchetto. Questo è l’unico modo possibile per forzare un autobuilder ad utilizzare una determinata versione del pacchetto durante la costruzione, ed è il motivo per cui i maintainer Debian spesso utilizzano le dipendenze per la compilazione con versioni specifiche. Il più delle volte, gli sviluppatori Debian utilizzano un programma di alto livello come debuild. In particolare, questo file contiene le righe Build-Depends che permettono di controllare la lista delle dipendenze che devono essere soddisfatte nel momento della generazione del pacchetto. Per farlo basta eseguire il comando apt-get build-dep source-package. In alternativa è possibile installare un file.

Nome: pacchetti deb
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 55.91 MBytes

Se si sa per certo che queste dipendenze per la compilazione sono troppo stringenti, si possono rendere meno rigide localmente. Semplice file di archivio L’operazione a questo punto è banalissima. Una volta installato correttamente il pacchettoè ceb il momento di provare qualcuno dei propri script. In un terminale eseguire, con privilegi di amministratore, il seguente comando: La prima cosa da fare per rigenerare un pacchetto Debian è quella di procurarsi dbe sorgenti.

Installare un pacchetto

Creazione di un pacchetto Debian. Altra alternativa a questa operazione è utilizzare gdebi:.

Se non esiste un pacchetto per Ubuntu in nessuno dei repository di Ubuntu, è possibile installare e disinstallare un tarball dalla riga di comando seguendo le istruzioni fornite con ciascun pacchetto. Una volta installato correttamente il pacchettoè venuto il momento di provare qualcuno dei propri script.

  SCARICA MODELLO D2 ATA 2017 DA

Creare un pacchetto deb contenente script personali

Se si vuole controllare il pacchetto. Il programma pbuilder disponibile nel pacchetto con lo stesso nome permette di costruire un pacchetto Debian in un ambiente isolato attraverso chroot.

La prima cosa da fare è cambiare il numero di versione del pacchetto, in modo che i pacchetti rigenerati possano essere distinti dai paccheti originali forniti da Debian. In questo caso una creazione da parte di root della directory porterà a:.

I pacchetti in unstable sono quelli meno testati e possono contenere problemi tali da pregiudicare la stabilità del sistema.

Il pzcchetti più semplice è quello di utilizzare il comando apt-get source source-package-name. Se questi comandi non sono chiamati esplicitamente, sono probabilmente un effetto collaterale di un altro comando esplicito, in questo caso si rimanda alla loro documentazione per saperne di più su come modificare il comportamento predefinito.

Ora è tutto pronto per creare il pacchetto.

Ottenere i sorgenti Se si vogliono informazioni più dettagliate sui cambiamenti da effettuare:. Mostra solo risultati esatti: La scelta di togliere le dipendenze comporta l’installazione dei pavchetti necessari al funzionamento degli script, installazione che non avviene automaticamente.

Innanzitutto creiamo una directory di lavoro nella nostra home. Una volta che il pacchetto abbia soddisfatto i nostri criteri di stabilità e qualità del pacchetto, verrà incluso in testing.

311.2 Installazione pacchetti deb

Creare il primo pacchetto L’esecuzione è possibile indicando il percorso assoluto oppure, più comodamente, il solo nome dello script da eseguire. Vedere le pagine della distribuzione unstable per altre informazioni. feb

pacchetti deb

Questo è anche il momento di sceglierne il nome; con uno sforzo di fantasia lo chiameremo “imieiscript” e la sua versione partirà dalla 1. Il processo di creazione di un pacchetto si occupa, in sostanza, di raccogliere una serie di file già esistenti o costruiti in un archivio, molti di questi file saranno di proprietà di root.

  KAZAA LIGHT ITALIANO SCARICARE

pacchetti deb

Il codice sorgente del sito web è a disposizione. Questo è il file più importante e contiene le informazioni sul pacchetto e le sue dipendenze. Infine, permette la costruzione di un pacchetto per una distribuzione di Debian paccbetti da quella utilizzata nel sistema: Rigenerare un pacchetto dai suoi sorgenti.

Installeremo il pcachetti “txt2man” che permette la conversione di un normale file di testo in un secondo file con formato proprio di una manpage troff. Imparare a creare pacchetti Il comando debuild è uno degli strumenti della suite devscriptsche condividono la stessa consistenza e configurazione, per rendere il compito più facile ai maintainer.

311. I pacchetti – deb

Come servizio verso i nostri utenti, forniamo anche i pacchetti che non possono essere inseriti nella sezione main per motivi legati a licenze restrittive o altri motivi legali. Quest’area contiene i pacchetti più recenti di Debian. Si vedano le pagine della distribuzione testing per maggiori informazioni.

pacchetti deb

Ora serve una directory seb conterrà gli script che vogliamo installare per cui, accanto alla directory “debian”, creiamo un’altra directory che possiamo chiamare, ad esempio, “script” e in cui verranno inseriti tutti gli script che vogliamo. Se siete amanti della precisione:. Contenuti soggetti a licenza d’uso Attribuzione – Non commerciale – Share Alike.

Molti di questi sono associati al gestore dei pacchetti della distribuzione Linux.